Investitori stranieri: Nuova Business Community

Mag 15, 2012

Vedi nel prossimo articolo le grandi qualità del Brasile e perché gli investitori stranieri hanno visto il Brasile come una grande opportunità per fare affari. Vedi anche gli investitori italiani che hanno avuto successo in questo mercato.

Vedi anche le storie di successo in Brasile facendo clic qui.

Molti nomi di italiani che hanno fatto la loro fortuna qui in Brasile sono ben noti. Fenomeni di immigrazione come Matarazzo e Cutrale considerano “casi di fortuna”, perché le caratteristiche di questa diaspora di 50 anni fa sono molto diverse da quella attuale. Quando mi sono trasferito in Brasile, Jim O’Neill aveva appena creato la parola BRIC. Oggi, il concetto è molto diffuso, tanto che stiamo già utilizzando la nuova terminologia BRICST.

Qui, l’economia sta crescendo in modo strutturato. Il gigante descritto nell’inno brasiliano, scritto da Joaquim Osario Duque Estrada, che dormiva, ora si è svegliato e sta facendo rumore. Ed è quello che sta succedendo all’economia brasiliana.

Oggi è caratterizzato da gigantesche riserve di acqua potabile; scoperte di olio nel pre-sale che ha lasciato a bocca aperta tutto il Medio Oriente; semi di soia; carne rossa e pollo; minerali; e un sistema finanziario evoluto, con una bilancia dei pagamenti che mostra l’eccedenza.

La nuova generazione di imprenditori e figli di imprenditori stranieri considera il Brasile il posto giusto in cui vivere e fare affari. È una scelta e non un obbligo, come al tempo dell’emigrazione europea e giapponese. In questo contesto, il termine immigrazione, in cui i fattori correlati sono l’abbondanza o la scarsità di cibo, è obsoleto. Preferisco il termine migrazione spontanea e globalizzata perché se c’è appetito, è per il business. Questa è una nuova comunità imprenditoriale. Non sto parlando di una comunità italiana che si riunisce in mense bixiga e mangia spaghetti la domenica.

Fabio Matarazzo è un discendente diretto del conte Matarazzo. Ha vissuto in Brasile 30 anni fa, poi è andato in Europa e in Asia. Al suo ritorno nelle terre brasiliane, ha trovato una città che è cambiata molto: San Paolo oggi è un motore economico. Attualmente è partner e amministratore delegato di una multinazionale di consulenza strategica e società di marketing che applica il successo ottenuto all’estero con nuovi clienti brasiliani.

Nell’area educativa, stiamo vivendo un fenomeno opposto a quello che è successo negli ultimi 25 anni, quando i brasiliani di famiglie ricche hanno lasciato il paese in cerca di buone istituzioni educative. Oggi, ci sono grandi scuole e università qui che consentono lo sviluppo di un curriculum internazionale. Per coloro che vogliono fare un MBA, oltre alla nota della Fondazione get-lio Vargas, c’è l’INSPER – Insegnamento e ricerca nei settori del business e dell’economia – che ha guadagnato molto spazio e riconoscimento internazionale. Il direttore accademico è Luca Borroni, italiano con un background in Bocconi, ex professore alla cattedra di Merger & Acquisition presso IBMEC (ex nome di INPSER).

Un vero giovane che ho visto crescere come uomo d’affari da queste parti è Edoardo Tonolli. La sua famiglia è ben nota in Italia per gli investimenti nel settore metallurgico negli anni ’70/’80. Lui, che fino all’anno 2010 era a Milano, ha deciso di venire in Brasile a rincorrere un’idea imprenditoriale: ha osservato che il paese non aveva l’abitudine che in Italia fosse molto comune, cioè non c’erano gelaterie artigianali qui.

Quando Edoardo mi ha raccontato questa idea, ho sentito che aveva ragione e l’ho sostenuto, perché me l’aspettavo io stesso. Questa storia è una storia di successo: in meno di un anno la gelateria ha aperto e vinto numerosi premi da guide gourmet. Attualmente, stanno aprendo la terza gelateria artigianale, già con piani per aprirne altri dieci.

Non dobbiamo dimenticare i migliori manager italiani che stanno sviluppando un lavoro molto cool in Brasile. Sono persone che si distinguono per serietà e professionalità.

Salvatore Milanese è venuto qui dieci anni fa e ha iniziato con un progetto all’interno di una banca d’investimento. Quando è stato richiamato in Europa, ha ringraziato l’invito e ha soggiornato qui, sviluppando affari e credendo in un Brasile che non era ancora considerato a livello internazionale.

Oggi è uno dei partner più conosciuti e rispettati di KPMG, una delle quattro multinazionali conosciute come le Big Four (gruppo delle più grandi aziende specializzate in revisione e consulenza nel mondo).

Marco Fracchia, cresciuto tra l’Italia e New York, è venuto in Brasile per assumere la posizione principale al Banco Intesa, e il paziente è rimasto fino a quando, quest’anno, la banca italiana ha chiesto una licenza bancaria alla Banca Centrale Brasiliana.

In futuro, le imprese italiane avranno un vero e proprio riferimento bancario qui. Un manager che ha sicuramente dato anche Shine al Brasile, e che ho avuto l’opportunità di incontrare, è Giovanni Giovannelli, che ha partecipato come CEO alla start-up della società Terna (gruppo Enel), a Rio de Janeiro, rendendolo il secondo più grande gruppo di trasmissione di elettricità non statale e quotandolo in borsa come caso di successo di IPO.

Oggi è vice amministratore di Allis – azienda specializzata nello sviluppo di soluzioni in risorse umane e servizi – che ha assunto più di 80.000 brasiliani solo nell’ultimo anno.

Un altro professionista di spicco è Giacomo Guarnera, che non cito per caso, e potrebbe vincere il premio come precursore di questa nuova comunità imprenditoriale italiana. Guarnera si è trasferita in Brasile più di 20 anni fa e ha fondato lo studio legale che oggi è un punto di riferimento per gli italiani che atterrano qui e vogliono fare affari e conoscere le regole.

Mi piace troppo questa fase del Brasile e sono felice di vivere qui, partecipando a un momento simile a quello che è successo altrove in tutto il mondo. Cito da una pubblicità di una multinazionale di consulenza strategica: “invece di vedere il Brasile crescere, crescere con il Brasile”. E questo è il messaggio che lascio ai nuovi imprenditori italiani interessati a investire in questo paese.

Contattaci

Leggi altre news

Così L’economia Brasiliana Batte L’effetto Covid

Così L’economia Brasiliana Batte L’effetto Covid

A discapito delle sue dimensioni, il Brasile ha mostrato in passato una forte capacità di reazione alle crisi in modo più rapido di tanti altri Paesi. Qual è la situazione attuale del Brasile di forte alla crisi del Covid-19? Qualche giorno fa abbiamo dibattuto...

leggi tutto
Investire in Brasile

Investire in Brasile

Chi a buon albero s'appoggia, buon ombra lo ricopre. Il vecchio detto italiano, potrebbe spiegare i motivi che hanno spinto gli imprenditori italiani a investire in Brasile, nonostante la crisi. Il rilascio di oltre 400 milioni di euro da parte del governo italiano...

leggi tutto
Open chat