Aprire un’attività in Brasile: Liberty da Londra apre una filiale in Brasile

Lug 4, 2012

Nell’articolo Messana commenta i vantaggi che Liberty ha avuto quando ha aperto la sua filiale in Brasile, come la riduzione dei costi.

Vedi anche qual è il vantaggio di aprire un’attività in Brasile, qui.

Un produttore tradizionale di tessuti raffinati a Londra, Liberty Art Fabrics ha aperto un ufficio a San Paolo per ottenere agilità e risparmi sui costi al servizio dei marchi di abbigliamento brasiliani. La compagnia è il braccio tessile del gruppo Liberty London, acquisito due anni fa dal fondo BlueGem, che riunisce investimenti da famiglie benestanti in Europa, per 43 milioni di sterline (66,3 milioni di dollari). La società sta attualmente attraversando una fase di globalizzazione. Fuori dal vecchio continente, il Brasile è la terza operazione propria dei tessuti per l’arte liberty, che si stabilì anche in Giappone e negli Stati Uniti. Amministratore delegato del marchio nel paese, Graziano Messana afferma che tre anni fa Liberty Art Fabrics aveva già esportato alcuni dei suoi prodotti in Brasile.

I tessuti provenivano prontamente dall’Europa. Ora, con l’operazione locale del marchio, i prodotti arriveranno qui semifiniti. “Le stampe verranno stampate con un partner brasiliano selezionato”, afferma il dirigente. In questo modo, spiega Messana, Liberty Art Fabrics può ridurre i tempi di consegna degli ordini da tre a un mese. Per ora, il marchio si occupa di marchi come Le Lis Blanc, Noir, Le Lis, Dudalina, Carlos Miele, A Brand e Tyrol, offrendo sempre prodotti esclusivi. In tutto il mondo, l’azienda fornisce marchi come Oscar de La Renta, Dolce & Gabbana, Hermés e Luis Vuitton (linea maschile), afferma Messana. Riduzione dei costi per portare i prodotti in Brasile. “Abbiamo iniziato a portare i tessuti su una scala più ampia, diluendo le spese logistiche. Inoltre, c’è un risparmio fiscale perché è un prodotto non ancora finito”, dice.

L’anno scorso, il giro d’affari di Londra liberty, che possiede un tradizionale negozio di 70.000 metri quadrati in Regent Street a Londra, è stato di 130 milioni di euro. Liberty Art Fabrics, che ha venduto 7 milioni di metri di tessuti nel periodo, rappresentava circa la metà delle vendite lorde totali.

L’altra parte proveniva da prodotti del marchio dell’azienda, Liberty of London, che si trova sull’etichetta di cravatte, camicie, sciarpe e cuscini. Per ora, in Brasile, l’azienda commercializza due tipi di tessuto: la seta e “Tana Lawn”, il fiore all’occhiello del marchio che rappresenta il 70% dei suoi ricavi. “La trama sembra seta, ma ha la forza del cotone, che è egiziano”, spiega Messana. Tutte le stampe create a Londra. Attualmente, la società ha un catalogo di 43.000 disegni prodotti dal 1875, anno della fondazione, ma il numero di opzioni è in aumento. Secondo Messana, il gruppo sta studiando la possibilità di aprire negozi in Brasile per vendere più prodotti dal suo portafoglio, ma è ancora alla ricerca di partner locali per rendere possibile questo progetto.

Contattaci

Leggi altre news

Così L’economia Brasiliana Batte L’effetto Covid

Così L’economia Brasiliana Batte L’effetto Covid

A discapito delle sue dimensioni, il Brasile ha mostrato in passato una forte capacità di reazione alle crisi in modo più rapido di tanti altri Paesi. Qual è la situazione attuale del Brasile di forte alla crisi del Covid-19? Qualche giorno fa abbiamo dibattuto...

leggi tutto
Investire in Brasile

Investire in Brasile

Chi a buon albero s'appoggia, buon ombra lo ricopre. Il vecchio detto italiano, potrebbe spiegare i motivi che hanno spinto gli imprenditori italiani a investire in Brasile, nonostante la crisi. Il rilascio di oltre 400 milioni di euro da parte del governo italiano...

leggi tutto
Open chat