Investimenti stranieri in Brasile

Set 20, 2017

GM Venture aiuta le aziende che hanno investimenti stranieri o desiderano investire in Brasile. In tutti questi anni con un portafoglio solido abbiamo il know-how per aiutare le aziende a raggiungere il successo nel paese. Conferma un’intervista con il nostro General Manager, Graziano Messana, parlando del Brasile, dei migliori settori da investire e degli investimenti italiani.

Scopri come investire in Brasile, qui.

Clienti rinomati come Eataly, Brunello Cuccinelli, Venchi e grandi aziende come Fiera Milano e Azimut, servite da GM Venture, sono icone del vero concept Made in Italy. Con un portafoglio così importante e con questo prezioso know-how, parlare con Graziano Messana ci permette sempre di scoprire informazioni interessanti e di ricevere una visione chiara dell’evoluzione di questo paese.

IESP – Con chi hai a che fare giorno per giorno e quali sono le sfide principali?

Graziano Messana – Sapere come affrontare le specificità del Brasile è un differenziale che può determinare il successo o il fallimento delle operazioni locali. Il Brasile è un paese complesso con molte sfide burocratiche per le aziende. Quando abbiamo fondato GM Venture nel 2006, ci siamo mirati ad aiutare le aziende straniere a superare queste barriere attraverso un modello di business innovativo, offrendo al contempo servizi eccellenti. Abbiamo finito per adempiere a questo ruolo e di conseguenza gestire queste aziende con successo.

IESP – Come sviluppare le proprie capacità gestionali?

GM – Oggi agiamo come una struttura esternalizzata, essendo in grado di svolgere i compiti di un direttore amministrativo-finanziario per conto della società madre straniera o agendo come rappresentante legale. Ciò garantisce il controllo completo delle operazioni locali. Abbiamo creato un unico punto di contatto per i dirigenti stranieri, consentendo guadagni di efficienza e creando valore, oltre a ridurre al minimo i rischi. Gli operatori internazionali possono così concentrarsi sul loro core business.

IESP – Sei limitato a qualsiasi settore specifico?

GM – Abbiamo esperienza nella gestione di società operanti in diversi settori, ma con l’obiettivo comune di fornire risultati e, in ultima analisi, distribuire profitti agli investitori.

IESP – Come vede il Brasile al momento dal punto di vista degli investimenti esteri?

GM – Il Brasile ha cominciato a uscire dalla crisi; I numeri riflettono questo. La ripresa della crescita sarà un processo lento, ma i segnali di ripresa sono molto chiari e le aspettative del mercato sono positive. Un fattore che determinerà il consolidamento di questa prospettiva è l’approvazione delle riforme del Congresso; Ciò darebbe un ulteriore impulso alla fiducia degli investitori che, a poco a poco, stanno cominciando a guardare al Brasile. In GM Venture abbiamo già iniziato a registrare una ripresa dell’interesse degli stranieri nel mercato brasiliano nel primo semestre.

IESP – In altre parole, gli investitori si sono ritirati e stanno ora iniziando a riprendere gli investimenti in Brasile. È ora di festeggiare?

GM – La crisi è stata molto lunga e ha avuto luogo a dimostrare agli investitori internazionali che ci sono opportunità di business molto interessanti in Brasile, ma le aziende devono essere preparate. Non è davvero un mercato per principianti. Superato l’euforia degli anni prosperi del boom delle materie prime e la frustrazione di due anni della peggiore crisi economica della storia, la tempistica è una delle promesse più realistiche e concrete. Le aziende che si presentano al mercato brasiliano sono più consapevoli della loro complessità e questi sono i migliori investimenti, quelli che credono nel potenziale del paese e cercano una presenza più a lungo termine. E il Brasile ha bisogno di questo: aziende in grado di portare innovazione, tecnologia e prodotti di qualità.

IESP – Gli investimenti italiani sono attesi, in particolare, qui in Brasile?

GM – L’Italia è un esempio di questo processo di visione più conservatrice. Gli investitori italiani hanno avuto paura dell’instabilità politica del Brasile negli ultimi anni e abbiamo visto un forte calo dell’interesse italiano nel paese. Questo è stato alimentato dalla marea di notizie negative sull’economia brasiliana. Alcune aziende con una maggiore conoscenza del mercato, e con grande determinazione, hanno continuato a investire e potrebbero beneficiare di un momento in cui gli asset brasiliani erano prezzi molto interessanti. Tuttavia, la tendenza generale era quella di allontanarsi. Ora con l’inversione di tendenze nell’economia, le aziende italiane stanno iniziando a riprendere i loro progetti e speriamo di vedere di più del Made in Italy in Brasile. Questo rapporto tra i due paesi è un caso di successo che ci dà grande orgoglio. Essere in grado di portare in Brasile le competenze italiane, i suoi prodotti di alta qualità e il suo design di fama internazionale è un’opportunità molto interessante.

IESP – Quali sono i settori più interessanti nella vostra valutazione?

GM – I settori più interessanti sono quelli in cui le aziende straniere possono portare innovazione e tecnologia sul mercato brasiliano. Questi sono i settori in cui il Brasile è più bisognoso e la crescita potenziale sarà maggiore nei prossimi anni. Allo stesso modo, i beni di consumo di alta qualità continuano ad avere buone possibilità nel paese. I brasiliani vogliono consumare prodotti che soddisfino il loro stile di vita, prodotti con design e prodotti con tecnologia innovativa.

IESP – E quali sono i punti salienti?

GM – Di fronte a questo scenario, alcuni settori si distinguono come cosmetici, imballaggi ed energia rinnovabile. Inoltre, sono in evidenza anche aree tecnologiche come l’IT e la sicurezza digitale. Un’altra tendenza interessante sono le startup di Fintech, start-up di tecnologia nel settore finanziario. Infatti il Brasile è oggi l’ottavo mercato più grande del mondo, secondo un recente studio di Deloitte.

 

Leggi altre news

Investire in Brasile

Investire in Brasile

Chi a buon albero s'appoggia, buon ombra lo ricopre. Il vecchio detto italiano, potrebbe spiegare i motivi che hanno spinto gli imprenditori italiani a investire in Brasile, nonostante la crisi. Il rilascio di oltre 400 milioni di euro da parte del governo italiano...

leggi tutto
Open chat