10 problemi che ostacolano l’arrivo degli investitori stranieri in Brasile

Nov 1, 2015

Scopri i 10 motivi che impediscono agli investitori stranieri dal Brasile. Secondo il nostro direttore generale, Graziano Messana, sebbene il Brasile sia un paese che attira molti investitori, ci sono ancora punti che possono essere migliorati per attrarre più investimenti stranieri.

Per scoprire perché il mercato brasiliano è importante per le aziende italiane, clicca qui.

Gli analisti dicono che il Brasile è a buon mercato, soprattutto dopo l’acquisizione della divisione cosmetici di Hypermarcas da parte di Coty; tuttavia, il paese deve ancora affrontare molti ostacoli per attirare gli investitori stranieri

San Paolo – L’inizio della scorsa settimana è stato caratterizzato da una sorta di “euforia” sul mercato dopo l’acquisto del segmento cosmetici di Hypermarcas (HYPE3) da parte della Francese Coty. Nella stessa settimana che l’uomo d’affari Abilio Diniz ha detto che “Brasile è a buon mercato”, questa acquisizione ha indicato esattamente che, dimostrando che gli investitori brasiliani sono interessati a investire nel paese.

Tuttavia, il Brasile deve ancora affrontare molti ostacoli per attirare gli investitori stranieri. Graziano Messana, un italiano che si è trasferito in Brasile nel 2006 e ha fondato la società di consulenza GM Venture, è quello che sottolinea su questo punto. Negli ultimi 10 anni, Messana ha consigliato a oltre 20 società straniere di entrare in Brasile attraverso acquisizioni o avviando le proprie attività da zero per garantire buone pratiche di gestione per gli investitori stranieri.

Con tutto il “know-how” consultivo per le aziende di entrare in Brasile, Messana ha detto che questo paese è un complesso. Egli sottolinea quali sono i principali ostacoli per le imprese che entrano nel paese. Scopri i dieci punti su cui il governo e le altre istituzioni dovrebbero riflettere (e cambiare) per attirare gli investimenti esteri:

  1. Complessità fiscale: il carico di lavoro medio annuo necessario per calcolare e pagare le tasse nel mondo è di 268 ore. Tuttavia, in Brasile, la stessa statistica è dieci volte maggiore, ovvero 2.600 ore all’anno. Pertanto, è necessario ridurre la complessità dell’onere fiscale per attirare gli investimenti nel paese.
  2. La burocrazia complica l’avvio di un’attività: Messana fa un confronto tra Europa e Brasile per aprire le imprese nel paese. Mentre sei in Europa, avvii un’impresa in soli dieci giorni, in Brasile hai bisogno di 80 giorni per eseguire la stessa procedura.
  3. Nessuna regola chiara: “Mentre il mondo diventa globalizzato e l’informazione è sempre più accessibile, in Brasile per aprire un conto bancario di una società come partner straniero, se non ben consigliato, potrebbero volerci mesi”. Messana sottolinea che non esistono regole chiare che distinguono gli investitori che entrano in Brasile con società residenti in paesi quotati in borsa, “poiché solo in questo caso sarebbe giustificato un controllo più rigoroso”. La Lista Nera consiste nell’elenco degli Stati che ignorano le autorità fiscali estere, non cooperando a livello internazionale per lo scambio di informazioni fiscali.
  4. Protezionismo: Il Brasile ha un alto grado di chiudere la sua economia con un onere fiscale molto elevato sulle importazioni, per non parlare della burocrazia alle dogane, dice Messana. “Questa politica distruggerà il Brasile. Non è così che il paese fornirà protezione per le aziende brasiliane. Il mondo si apre e altri paesi cercano accordi di cooperazione. Il Brasile fa il contrario”, dice.
  5. Il lavoro sostiene: Messana dice che “dopo il calcio, il secondo sport nazionale si chiama “rivendicazione del lavoro”. Questo è un fattore che genera molta preoccupazione per gli investitori, dal momento che vorrebbero assumere e creare posti di lavoro, ma hanno paura.
  6. Notaio: Il direttore dice che abbastanza spesso, l’ufficio Notary in Europa è utilizzato per fare ipotesi per aprire regolarmente le imprese. “Qui, questo è fatto dai trade Board, e non tengono il passo”, dice. Per un’azienda di essere “nato”, ha bisogno di un certificato – questo è il record della vostra azienda con il Consiglio di commercio.
  7. Alto costo del denaro: l’alto costo del denaro rende solo poche le aziende per sopportare questa elevata dimensione di interesse. Tuttavia, ci sono alternative, dice. Le filiali di imprese estere possono

Ma le filiali di società straniere possono beneficiare di interessi molto bassi dando lettere di stand-by europee o americane come garanzia, dice Messana. Si tratta di lettere di credito per garantire il pagamento al beneficiario in caso di insolvenza del mutuatario. “Sembra che ci siano solo banche brasiliane e interessi brasiliani e diversi investitori scoraggiati su di esso”, dice.

  1. Coperture valutarie: Messana sottolinea che lo stesso vale per i principali strumenti utilizzati per coprire i cambi, che è un modo per una società di difendersi in mezzo alle fluttuazioni valutarie. Egli afferma che “gli strumenti tradizionali offerti dalle banche brasiliane sono irrealizzabili. Solo chi sa muoversi è in grado di trovare valide alternative e prezzi interessanti, ma sono una minoranza”.
  2. Non c’è pubblicità: Messana sottolinea che ci sono diversi incentivi offerti dagli Stati e/ o dai governi locali, ma c’è poca pubblicità all’estero. “A che serve stabilire incentivi se le informazioni non arrivano nei paesi e nelle aziende con un potenziale di investimento?”
  3. Infine, qualche consiglio: per Messana, le istituzioni federali e statali dovrebbero cercare più circuiti della Camera di Commercio. Attraverso questi circuiti altri paesi sono facilmente raggiungibili.

Articolo originale in inglese.

Contattaci

Leggi altre news

Così L’economia Brasiliana Batte L’effetto Covid

Così L’economia Brasiliana Batte L’effetto Covid

A discapito delle sue dimensioni, il Brasile ha mostrato in passato una forte capacità di reazione alle crisi in modo più rapido di tanti altri Paesi. Qual è la situazione attuale del Brasile di forte alla crisi del Covid-19? Qualche giorno fa abbiamo dibattuto...

leggi tutto
Investire in Brasile

Investire in Brasile

Chi a buon albero s'appoggia, buon ombra lo ricopre. Il vecchio detto italiano, potrebbe spiegare i motivi che hanno spinto gli imprenditori italiani a investire in Brasile, nonostante la crisi. Il rilascio di oltre 400 milioni di euro da parte del governo italiano...

leggi tutto
Open chat